News

Il 3 luglio a Torino anteprima del film “I gioni di Torino. 18 aprile – 6 maggio 1945”


7-3_0000038A_Pettinati

 I giorni di Torino. 18 aprile – 6    maggio 1945
Regia di Pier Milanese. Prod. esecutiva: Paola Olivetti. Ricerca storica: Corrado  Borsa. Ricerca immagini: Andrea Spinelli. Prod.: Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza, 2015. 73′


Torino appartiene al novero limitato delle città europee che si liberano da sé dall’occupazione nazifascista ritrovando le necessarie energie morali, politiche, sociali e militari. Che ciò avvenga nel contesto certo decisivo di una immane guerra che sta giungendo al capitolo finale nulla toglie all’importanza che una parte cospicua della città, della sua società civile, dalla guerra coinvolta e sconvolta, si ritrovi, infine, in tanti modi diversi, a fiancheggiare il piccolo esercito partigiano piemontese, tempratosi in dure vicissitudini e deciso a entrare in armi a Torino, mentre gli operai torinesi organizzano nelle fabbriche i capisaldi dell’insurrezione e la difesa delle risorse cittadine dalla terra bruciata dei tedeschi e dei fascisti di Salò in ritirata.

La liberazione di Torino non è solo la pagina su cui converge da ogni parte la Resistenza piemontese, l’affermazione finale e clamorosa di una forza che essa ha ormai conquistato, è anche il dispiegamento massimo di quel nucleo di valori che le scelte del 1943 avevano portato alla ribalta delle coscienze e concretizzato poi in un numero crescente di atti individuali e collettivi.
E’ uno dei momenti culminanti di tutta la storia della Resistenza non solo torinese e piemontese, nel quale dalla crisi terminale del fascismo prende forma quell’Italia repubblicana che, sia pure con i suoi limiti e le sue contraddizioni, si può considerare una conquista partigiana.

47

Nel film si raccontano i giorni in cui il piano della liberazione di Torino si realizza, dal grande sciopero del 18 aprile, che afferma il rifiuto generalizzato della guerra e dell’occupazione nazista da parte dei torinesi e l’ormai incolmabile lontananza del fascismo repubblichino, dei suoi riti, dei suoi miti, dei suoi residui poteri, dal corpo vivo della città, al giorno della grande parata delle forze partigiane il 6 maggio, passando attraverso l’occupazione e la difesa delle fabbriche dagli assalti nemici del 25 aprile e 26 aprile, l’ingresso in città delle formazioni partigiane attestate alle sue porte fra il 26 e il 27 aprile, lo scontro con i tedeschi e i fascisti sempre più barricati nel centro cittadino, che abbandonano infine Torino nella notte fra il 27 e il 28 aprile, la cruenta battaglia contro i cecchini fascisti, l’insediamento delle nuove autorità cittadine nominate dal Cln piemontese, l’allarmante minaccia delle divisioni in ritirata del generale Schlemmer cui sarà impedito l’attraversamento della città, l’arrivo, a liberazione compiuta, delle truppe alleate.
E’ una grande vicenda corale, con i suoi eroi e i tanti decisivi anche minuti atti di coraggio e di solidarietà che la città sa esprimere. Per raccontarla si sono scelte nella videoteca di testimonianze dell’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza le voci, anche disparate, di tanti protagonisti, ciascuno dei quali ricostruisce in un montaggio incalzante una tessera, un’esperienza, una situazione, senza con questo perdere di vista le linee determinanti della mobilitazione collettiva. Il contesto dei luoghi, il clima, i fatti sono evocati ampiamente dai materiali cinematografici più o meno amatoriali d’epoca e dalle foto scattate in vari frangenti di quei giorni.

9Al culmine del 70° della Resistenza arriva dunque questo racconto per immagini, che abbiamo cercato di rendere organico e, per quanto possibile, completo, dei giorni torinesi in cui tanti aspetti della Resistenza si riassumono e si verificano in un’indubbia vittoria ottenuta senza supporti esterni . Ci auguriamo che coinvolga gli spettatori e contribuisca a ridar loro la voglia e l’orgoglio di ripensare a questo momento alto della storia di Torino.
Il film è stato realizzato dall’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza con il sostegno del Comitato Resistenza e Costituzione del Consiglio Regionale del Piemonte. Si ringraziano per la collaborazione l’Istituto Piemontese per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea “Giogio Agosti” di Torino, Paolo Vinai, Luciano Boccalatte, Andrea D’Arrigo e Chiara Colombini.


Ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili

>

x-web-3-luglioLa locandina dell’iniziativa

This is a unique website which will require a more modern browser to work! Please upgrade today!